Il nostro impegno verso la comunità 2017

La cultura fa parte del DNA di Campari Group fin dalle sue origini. Da sempre il nome ‘Campari’ viene associato al mondo dell’arte, del design, del cinema.

copertina-community.jpg

Gruppo Campari per lo sviluppo culturale e sociale

La promozione della cultura e la sua divulgazione significano anche attenzione all’educazione e al benessere delle persone. Sensibili alle necessità delle comunità nei paesi in cui il Gruppo è maggiormente presente, sono riportate di seguito le principali iniziative di community involvement intraprese.


GALLERIA CAMPARI

Galleria Campari, aperta nel 2010 in occasione dei 150 anni di vita dell’azienda, è un museo ad accesso libero e gratuito di nuovissima concezione: uno spazio dinamico, interattivo e multimediale, interamente dedicato al rapporto tra il marchio ‘Campari’ e la sua comunicazione attraverso l’arte e il design.

La Galleria deve la propria forza all’unicità e alla ricchezza dell’Archivio storico, vero e proprio giacimento culturale trasversale, che raccoglie oltre 3.000 opere su carta, affiche originali della Belle Époque, ma anche manifesti e grafiche pubblicitarie dagli anni ‘30 agli anni ‘90 firmate da importanti artisti come Marcello Dudovich, Leonetto Cappiello, Fortunato Depero, Franz Marangolo, Guido Crepax e Ugo Nespolo; caroselli e spot di noti registi come Federico Fellini e Singh Tarsem; oggetti firmati da designer come Matteo Thun, Dodo Arslan, Markus Benesch e Matteo Ragni.

La visita alla Galleria è un’immersione in un importante capitolo di storia della creatività, della pubblicità, dell’imprenditoria e dell’arte del Novecento; nel 2017 i visitatori sono stati oltre 14.000.

Galleria Campari, oltre a presentare la propria collezione in maniera permanente, organizza mostre temporanee, attività didattica e di ricerca e promuove pubblicazioni sulla storia della comunicazione dell’azienda attraverso arte e design. Offre in esposizione ad altri musei le proprie opere, prestando consulenza storico-critica a sostegno di progetti esterni che includano materiale della collezione Campari.


DIFFUSIONE DELLA CULTURA E MOSTRE

Nel 2017, Galleria Campari ha aderito a numerosi eventi e organizzato diverse aperture straordinarie, alcune delle quali all’interno di iniziative nazionali e internazionali. Tra queste, le Giornate Europee del Patrimonio, la Notte Europea dei Musei, la Settimana della Cultura d’Impresa (in quanto parte del circuito nazionale Museimpresa). La Galleria ha inoltre contribuito ai palinsesti di svariate iniziative culturali del Comune di Milano tra cui Milano Photo Week e Museo City.

Mostre in sede

Dal 24 maggio al 23 settembre 2017 è stata aperta al pubblico l’esposizione ‘Bike Passion. Dagli Album Campari una storia a due ruote’, visitata da circa 3.000 persone. La mostra ha offerto ai visitatori la possibilità di addentrarsi in un capitolo affascinante della storia di Campari, brand testimone dei cambiamenti di costume del nostro Paese, raccontando, come in un diario di viaggio, la profonda passione sportiva per alcune delle corse ciclistiche più celebri d’Europa.

Mostre itineranti

Dal 7 dicembre 2017 al 18 febbraio 2018 la mostra ‘Bike Passion’ è diventata itinerante, approdando al Museo dei Campionissimi di Novi Ligure (Alessandria). Nel 2017 Galleria Campari ha inoltre partecipato con prestiti di alcune opere d’arte ad alcune importanti esposizioni, tra cui:

  • Fondazione Magnani Rocca (Parma), inoccasione delle mostre ‘Depero il Mago’ e ‘Pubblicità! La nascita della comunicazione moderna 1890-1957’;
  • Museo Salvatore Ferragamo (Firenze), per l’esposizione ‘1927. Il ritorno in Italia’.

Artissima

Nel 2017 Galleria Campari ha avviato una collaborazione triennale con Artissima, Fiera Internazionale di Arte Contemporanea di Torino, tramite l’istituzione del Campari Art Prize. La fiera è una delle più importanti a livello europeo e nel 2017 è stata visitata da oltre 52.000 persone. La vincitrice dell’edizione 2017 è Sári Ember (ungheresenata a São Paulo nel 1985). L’artista è stata selezionata sulla base della sua ricerca sul potere evocativo del racconto, sulla dimensione comunicativa e sulla capacità narrativa dell’opera. Oltre a ricevere un riconoscimento in denaro, nel 2018 Sári Ember sarà protagonista di una mostra personale a budget dedicato, la prima in Italia, presso Galleria Campari.

Per i Camparisti

Infine, per favorire il coinvolgimento dei Camparisti dell’headquarter e la loro partecipazione alle attività culturali promosse dall’azienda, è proseguita nel 2017 l’iniziativa ricreativa legata ai contenuti artistici di Galleria Campari, ‘Pausa-Pranzo-in-Galleria’. Sono state intensificate inoltre le comunicazioni, attraverso Yammer, social network aziendale, legate ai contenuti e al dietro le quinte di Galleria Campari.

La Galleria si propone quindi come uno spazio legato al brand, ma anche un centro di ricerca e di produzione culturale, che porta avanti il rapporto tra Campari e l’arte contemporanea, rendendo quest’ultima parte della quotidianità e della comunicazione al pubblico.

Iniziative

NEGRONI WEEK

Per il quinto anno consecutivo Campari Group promuove la Negroni Week in collaborazione con il magazine IMBIBE. L’iniziativa, che si svolge dal 2015 a livello internazionale, ha l’obiettivo di raccogliere fondi per enti di beneficienza e ONG. Bar, ristoranti e rivenditori nei 60 paesi partecipanti, hanno donato a scopo benefico una parte del ricavato derivante dalla vendita dello storico cocktail.

Partecipanti: più di 7.700 esercenti, in aumento del 28% rispetto al 2016. Gli elevati livelli di partecipazione hanno garantito il successo della campagna e la raccolta di US$ 537.000. Il Kettner Exchange di San Diego (Stati Uniti) ha ricevuto il titolo di ‘top foundraiser’, raccogliendo oltre US$ 6.000. Stati Uniti, Germania, Argentina, Canada e Grecia sono risultati i cinque paesi con il maggior numero di partecipanti.

I social media sono stati ancora una volta fondamentali nella divulgazione della campagna: ‘Negroni Week’ ha ricevuto più di 17.000 menzioni online e il relativo hashtag ha raggiunto oltre 5.000 utilizzi su Instagram.

 

JOY SPENCE APPLETON ESTATE RUM EXPERIENCE

Con il nuovo Appleton Estate Rum Tour, oggi rinominato Joy Spence Appleton Estate Rum Experience (JS-AERE), dal nome della master blender Joy Spence, Campari Group dimostra ancora una volta il suo impegno nel contribuire allo sviluppo economico e turistico giamaicano. Inaugurato la prima volta nel 1988 nella valle di Nassau a St. Elizabeth, l’Appleton Estate Rum Tour racconta la storia del rum e il suo unico processo di produzione attraverso visite guidate e degustazioni. Grazie ai recenti investimenti di ristrutturazione e ampliamento della struttura realizzati dal Gruppo a partire dal 2012, in tutto più di 7,2 milioni di dollari, e al futuro potenziamento della linea ferroviaria, JS-AERE si pone l’obiettivo di quadruplicare la sua capacità di accoglienza arrivando ad oltre 200.000 turisti l’anno nei suoi 26.000 metri quadrati. A tale sviluppo non mancheranno certamente di associarsi ulteriori opportunità imprenditoriali per le comunità locali.

Volontariato d'impresa

Italia

In occasione del Global Procurement Meeting dello scorso giugno 2017, si è svolta un’attività di volontariato aziendale insieme con i volontari di Legambiente. Alcuni Camparisti hanno così partecipato alla creazione di un orto urbano in un quartiere periferico di Milano contribuendo a recuperare un luogo inutilizzato e abbandonato e restituendolo agli abitanti. Il fenomeno degli orti urbani, oltre a promuovere la salvaguardia del verde urbano e uno stile alimentare sano, contribuisce positivamente alla coesione sociale e a migliorare la qualità di vita dei cittadini. Anche quest’anno è continuata la collaborazione con il Banco Alimentare al quale è stato donato un ampio numero di confezioni Crodino. Una simile iniziativa è stata poi effettuata donando un altro rilevante numero di confezioni, sia di Crodino che di Lemonsoda, al mercato solidale SoliDando. Progetto del tutto innovativo che attraverso il coinvolgimento di fondazioni, aziende e volontari consente la creazione di un ‘supermercato solidale’ a cui hanno oggi accesso oltre 300 famiglie.

Francia

L’ufficio francese ha avviato una partnership con ‘Groupe People&Baby’, un’organizzazione che fornisce assistenza e servizi per l’infanzia. Oltre a garantire l’accesso a oltre mille asili nidi, ‘Groupe People&Baby’ propone un’offerta educativa innovativa e prevede un’alimentazione sostenibile e biologica dei bambini basata sulla tracciabilità alimentare. I genitori possono monitorare le attività dell’asilo nido tramite una piattaforma dedicata, da cui possono ad esempio scaricare il menù quotidiano o contattare direttamente il personale del nido. Inoltre, per favorire l’equilibrio tra lavoro e vita privata si offre ai Camparisti in Francia un servizio di concierge, fra cui servizi di stiratura e sartoria, preparazione di documenti burocratici, servizi di consegna e raccolta postale, riparazioni di telefoni, nonché un servizio di car sharing.

Stati Uniti

Già da diversi anni Campari America sviluppa e diffonde sui suoi social media la serie #Spirited in cui i bartender si fanno portavoce di messaggi di responsabilità: #SpiritedWomen ha evidenziato il ruolo e il valore aggiunto apportato dalle donne che lavorano nel settore degli spirit; #SpiritedPride ha sottolineato l’impatto positivo che la comunità LGBT ha avuto e continua ad avere sul nostro settore. Diffuso nel 2017, #SpiritedConnections si concentra su baristi socialmente responsabili che, integrando la sostenibilità nel loro lavoro quotidiano, hanno creato bar e locali ecologici e a basso impatto ambientale.

Argentina

Campari Argentina ha avviato una partnership con Techo, un’organizzazione non a scopo di lucro che fornisce supporto alle famiglie che vivono in estrema povertà in America Latina e nei Caraibi. Alcuni Camparisti di Campari Argentina hanno partecipato come volontari alla costruzione di una casa a Buenos Aires per una famiglia a basso reddito. L’attività ha fornito un’eccellente opportunità ai membri del team di interagire gli uni con gli altri, promuovendo la riflessione critica e una proposta concreta per mitigare la povertà.

Sudafrica

In Sudafrica Campari Group ha impiegato 20 disabili per un periodo di quattro mesi nell’ambito del progetto The Altitude Programme, sviluppato in collaborazione con la società The Altitude Group specializzata nell’offrire opportunità lavorative a persone con invalidità.

Australia

Con il programma ‘Campari Workplace Giving’ i dipendenti australiani possono effettuare donazioni a enti di beneficenza di propria scelta tramite una trattenuta sullo stipendio. Con tale iniziativa Campari Australia partecipa all’ ‘Australian Charities Fund 1 Million Donors’, un programma nazionale che si pone l’obiettivo di arrivare ad avere un milione di dipendenti donatori entro il 2020.

Share/Save
Ultima modifica 04 giu 2018