Gruppo Campari riporta le attività di imbottigliamento presso la Distilleria Wild Turkey, con un nuovo impianto da US$ 43 milioni, creando nuovi posti di lavoro e generando gettito fiscale allo Stato del Kentucky

Gruppo Campari riporta le attività di imbottigliamento presso la

Distilleria Wild Turkey, con un nuovo impianto da US$ 43 milioni, creando nuovi posti di lavoro e generando gettito fiscale allo Stato del Kentucky

 

 

Lawrenceburg, (Kentucky, USA), 10 settembre 2013 — Dopo una pausa di sette anni, l’imbottigliamento di uno dei brand di whiskey più iconici al mondo è tornato a casa. Il Gruppo Campari (Reuters CPRI.MI - Bloomberg CPR IM) ha celebrato oggi l’inaugurazione dell’impianto di imbottigliamento da US$ 43 milioni presso la famosa distilleria Wild Turkey di Lawrenceburg, Kentucky. Il Governatore dello Stato del Kentucky, Steve Beshear, e il CEO del Gruppo Campari Bob Kunze-Concewitz si sono uniti a Jimmy Russell, Master Distiller di Wild Turkey, per celebrare l’apertura del nuovo impianto, con il supporto delle autorità locali e dei dipendenti della distilleria. L’impianto di imbottigliamento fa parte di un investimento complessivo in miglioramenti delle strutture produttive da US$ 100 milioni, che la società ha fatto nell’arco di tre anni.

“Il settore del Kentucky Bourbon è cresciuto a un ritmo rapido, con la produzione del nostro spirit locale cresciuta del 120% nell’ultimo decennio e cinque milioni di botti a invecchiare nel nostro Stato”, ha dichiarato Steve Beshear, Governatore dello Stato del Kentucky. “Il notevole investimento che il Gruppo Campari ha fatto nella distilleria Wild Turkey, compreso l’impianto di imbottigliamento da US$ 43 milioni, non solo aiuterà a far crescere quel numero attraverso l'espansione mondiale della categoria Bourbon, ma creerà posti di lavoro preziosi per la gente del nostro Stato”.

Oltre a creare più di sessanta nuovi posti di lavoro nella zona, l'impianto fornisce completa capacità di imbottigliamento e packaging per tutti i marchi di distillati del Gruppo Campari negli USA, tra cui la linea di Bourbon Wild Turkey e il più grande marchio statunitense dell'azienda – SKYY Vodka. I benefici immediati e a lungo termine della nuova struttura comprendono efficienza dei costi, miglioramento del servizio clienti, opportunità di innovazione più efficienti e rapide, e maggiore flessibilità produttiva attraverso l’internalizzazione delle attività di imbottigliamento dell’azienda.

Con oltre 44.000 metri quadri di spazio, l’impianto di imbottigliamento di Wild Turkey gestirà inizialmente fino a quattro milioni di casse da nove litri di prodotto ogni anno, ma è stato progettato per avere la capacità di sostenere agevolmente le necessità future del Gruppo Campari nel Nord America. Il nuovo impianto risponderà immediatamente alla crescita di Wild Turkey, Wild Turkey American Honey, Wild Turkey Spiced, Wild Turkey Kentucky Spirit, Russell’s Reserve, Rare Breed Bourbon e SKYY Vodka, sia negli USA che nel resto del mondo.

“Dopo sette anni di assenza, siamo lieti di riportare nella distilleria Wild Turkey la capacità di imbottigliamento di due dei brand maggiori e a più rapida crescita del Gruppo Campari,” ha dichiarato Bob Kunze-Concewitz, CEO del Gruppo Campari. “Controllando il processo di produzione completo per tutta la gamma Wild Turkey, possiamo essere più agili nel soddisfare la crescente domanda globale non solo per Wild Turkey, ma anche per SKYY Vodka. Ringraziamo lo Stato del Kentucky per la sua collaborazione nel far nascere questo impianto.”

"L'investimento del Gruppo Campari nel brand Wild Turkey Bourbon dimostra il loro impegno non solo nell’aiutare Wild Turkey a produrre i nostri pregiati Bourbon e Rye whiskey, ma anche nei confronti della gente del Kentucky, attraverso la creazione di posti di lavoro e gettito fiscale", ha dichiarato Jimmy Russell, Master Distiller di Wild Turkey. "Con il pieno controllo di tutto il nostro processo di produzione, dalla distillazione e invecchiamento all'imbottigliamento e confezionamento, siamo in grado di concentrarci su ciò che conta davvero: produrre il miglior Bourbon del mondo."

Dall’acquisizione del marchio nel 2009, il Gruppo Campari ha fatto notevoli investimenti finanziari nelle attività della distilleria e dei suoi dipendenti, per un valore che ha superato i US$ 100 milioni. Nel 2011 il Gruppo ha annunciato l’espansione della distilleria per un investimento pari a circa US$ 50 milioni, più che raddoppiandone la capacità produttiva. Questo è andato di pari passo con l’apertura negli ultimi anni di nuovi magazzini per l’invecchiamento. Nel 2014, Wild Turkey aprirà un nuovo Visitor Center all’avanguardia.

La fama dello spirit originario del Kentucky si è diffusa in tutto il mondo, con una domanda per Wild Turkey ai livelli più alti nella sua storia. Attualmente la gamma Wild Turkey vende oltre un milione di casse da nove litri in tutto il mondo (Fonte: IMPACT Databank) con una forte crescita negli Stati Uniti, Australia, Canada e Giappone. Wild Turkey è il sesto marchio di bourbon a livello globale (escludendo le vendite di American Honey). Wild Turkey e SKYY Vodka sono entrambi distribuiti e commercializzati da Campari America negli Stati Uniti, Canada e Porto Rico.

Data di pubblicazione: 
10 set 2013
Share/Save
Ultima modifica 13 set 2013