Assemblea straordinaria e ordinaria di Davide Campari-Milano S.p.A.

  • Approvazione del frazionamento azionario: emissione di due nuove azioni in sostituzione di ciascuna azione esistente

  • Approvazione all’unanimità del bilancio al 31 dicembre 2016

  • Deliberazione della distribuzione di un dividendo per il 2016 di € 0,045 per azione risultante dal frazionamento azionario (invariato, su base rettificata, rispetto al dividendo distribuito per l’esercizio 2015)

     

    Milano, 28 aprile 2017-L’Assemblea degli azionisti di Davide Campari-Milano S.p.A. (Reuters CPRI.MI-Bloomberg CPR IM), ha approvato oggi,in sede straordinaria, il frazionamento delle 580.800.000 azioni ordinarie in circolazione da nominali € 0,10 ciascuna che costituiscono l'attuale capitale sociale, in 1.161.600.000 azioni ordinarie di nuova emissione, da nominali € 0,05 ciascuna, da assegnare nel rapporto di 2 azioni di nuova emissione in sostituzione di ogni azione ordinaria in circolazione. Le nuove azioni avranno godimento 1 gennaio 2016; l'attuale capitale sociale versato di € 58.080.000 rimarrà invariato. L’operazione di frazionamento verrà eseguita entro la prima metà del mese di maggio 2017 e sarà notificata a norma di legge. Nessuna spesa sarà posta a carico degli azionisti per oneri accessori inerenti al frazionamento.

    L’Assemblea degli azionisti ha approvato oggi all’unanimità il bilancio di esercizio al 31 dicembre 2016.

    L’Assemblea degli azionisti ha deliberato la distribuzione di un dividendo per l’esercizio 2016 di € 0,045 per azione risultante dal frazionamento azionario(invariato, su base rettificata, rispetto al dividendo distribuito per l’esercizio 2015). Il dividendo verrà posto in pagamento il 24 maggio 2017 (con stacco cedola numero 1 il 22 maggio 2017, in conformità al calendario di Borsa Italiana, e record date 23 maggio 2017).

    Si segnala che le predette delibere sono state assunte anche attraverso l’esercizio del diritto di voto doppio da parte degli azionisti che hanno maturato il relativo diritto, ai sensi dell’articolo 6 dello Statuto sociale.

    Altre delibere

    Azioni proprie. L’Assemblea ha autorizzato il Consiglio di Amministrazione a procedere all’acquisto e/o all’alienazione di azioni proprie finalizzate principalmente a servire i piani di stock option. L’autorizzazione è stata conferita sino al 30 giugno 2018. Il corrispettivo unitario per l’acquisito e/o l’alienazione non sarà inferiore del 25% nel minimo e superiore del 25% nel massimo al prezzo medio di riferimento registrato dal titolo nelle tre sedute di borsa precedenti ogni singola operazione di acquisto.

    Stock option. L’Assemblea ha approvato un piano di stock option ai sensi dell’articolo 114-bis TUF, predisposto in conformità al Regolamento per l’attribuzione di stock option in vigore, riservato a soggetti diversi dai membri del Consiglio di Amministrazione della Capogruppo, esercitabili a partire dal quinto anno dalla loro assegnazione.

    Relazione sulla remunerazione. L’Assemblea ha approvato la Relazione sulla Remunerazione predisposta ai sensi dell’articolo 123-ter, 6° comma, TUF.

    Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. L’Assemblea degli azionisti ha confermato nella carica di Consigliere la dott.ssa Karen Guerra, cooptata dal Consiglio di Amministrazione del 29 aprile 2016 a seguito delle dimissioni di un Amministratore.


 

Risultati consolidati del 2016

Come annunciato il 28 febbraio 2017, nel 2016, le vendite nette del Gruppo sono state pari a 1.726,5 milioni, registrando un incremento del +4,2%. La crescita organica delle vendite è stata pari a +4,7%, parzialmente compensata da un effetto cambi pari a -3,3%. L’effetto perimetro, pari a +2,8%, è attribuibile all’effetto combinato dell’acquisizione di Grand Marnier, consolidata dal 1 luglio 2016, della terminazione di alcuni contratti di distribuzione e della cessione di business non strategici.

Il margine lordo è stato € 984,6 milioni, in aumento del +7,4% (+5,8% variazione organica) e pari al 57,0% delle vendite.

Le spese per pubblicità e promozioni sono state 308,6milioni, in aumento del +7,8% e pari al 17,9% delle vendite.

Il margine di contribuzione, ovvero il margine lordo dopo le spese per pubblicità e promozioni, è stato € 676,0 milioni, in aumento del +7,2% (+5,8% variazione organica) e pari al 39,2% delle vendite.

I costi di struttura, ovvero i costi delle organizzazioni commerciali e i costi generali e amministrativi sono stati € 323,5 milioni, pari al 18,7% delle vendite e in aumento del +8,5%.

L’EBITDA rettificato è stato 405,3 milioni, in aumento del +6,6% (+4,4% variazione organica), pari al 23,5% delle vendite.

L’EBIT rettificato è stato € 352,5 milioni, in aumento del +6,0% (+3,6% variazione organica), pari al 20,4% delle vendite.

Le rettifiche di proventi (oneri) operativi sono state negative per € 33,2 milioni, di cui € 8,8 milioni imputabili ai costi di transazione di Grand Marnier e i restanti imputabili a oneri per progetti di ristrutturazione cessione di asset.

L’EBITDA è stato € 372,1 milioni, in aumento del +4,2% e pari al 21,6% delle vendite.

L’EBIT è stato € 319,4 milioni, in aumento del +3,1% e pari al 18,5% delle vendite.

Gli oneri finanziari netti sono stati pari a € 58,6 milioni, in diminuzione di € 2,3 milioni.

Le rettifiche di proventi e oneri finanziari sono state negative per € 24,6 milioni e sono principalmente attribuibili a oneri finanziari non ricorrenti, attribuibili alle operazioni di rifinanziamento del debito (rimborso anticipato delle tranche di US Private Placement)completatea settembre 2016 pari a € 29,1 milioni, al netto di altri proventi finanziari pari a € 4,5 milioni.

L’utile netto rettificato del Gruppo, i.e. prima delle rettifiche negative operative e finanziarie (pari a € 57,8 milioni prima delle tasse, € 32,3 milioni dopo le tasse) è stato pari a € 198,6 milioni (+7,0%).

L’utile netto del Gruppo è stato di 166,3 milioni, in diminuzione del -5,2%.

Al 31 dicembre 2016 l’indebitamento finanziario netto è pari a € 1.199,5 milioni (€ 825,8 milioni al 31 dicembre 2015).

 

Eventi successivi alla chiusura dell’esercizio 2016

Tra gli eventi successivi alla chiusura dell’esercizio 2016, si segnala che il 10 febbraio 2017 Gruppo Campari ha perfezionato l’acquisizione di Bulldog London Dry Gin, operazione annunciata il 2 febbraio 2017, per USD 55 milioni (corrispondente a € 51,7 milioni al tasso di cambio della data del closing), più capitale circolante e passività assunte per USD 3,4 milioni (corrispondente a € 3,2 milioni al tasso di cambio alla data del closing). L’accordo prevede un potenziale earn-out da corrispondere al raggiungimento di determinati volumi di vendita incrementali rispetto a obiettivi concordati.

Si segnala inoltre che in data 30 marzo 2016 Gruppo Campari ha annunciato l’importo complessivo di due nuove emissioni obbligazionarie a tasso fisso senza rating per un importo nominale rispettivamente di (i) € 50 milioni e scadenza 5 aprile 2022, e (ii) € 150 milioni e scadenza 5 aprile 2024, finalizzate a uno scambio, per un analogo importo, con alcune obbligazioni emesse in precedenza da Davide Campari-Milano S.p.A. e acquistate dietro corrispettivo in denaro da BNP Paribas attraverso una Tender Offer.

Data di pubblicazione: 
28 apr 2017
Share/Save

Download

Ultima modifica 28 apr 2017