Campari annuncia solidi risultati per il 2009 con tutti gli indicatori di performance in forte crescita Eccellente generazione di cassa (free cash flow): € 184,3 milioni Aumento dividendo proposto: +9.1%

Campari annuncia solidi risultati per il 2009 con tutti gli indicatori di performance in forte crescita
Eccellente generazione di cassa (free cash flow): € 184,3 milioni
Aumento dividendo proposto: +9.1%

DATI PRINCIPALI - 2009

  • Vendite: € 1.008,4 milioni (+7,0%, variazione organica -1,0%)
  • Margine di contribuzione: € 401,2 milioni (+17,6%, crescita organica +7,6%, 39,8% delle vendite)
  • EBITDA prima di oneri e proventi non ricorrenti: € 265,1 milioni (+21,4%, crescita organica +9,2%, 26,3% delle vendite)
  • EBIT prima di oneri e proventi non ricorrenti: € 239,7 milioni (+20,4%, crescita organica +8,6%, 23,8% delle vendite)
  • Utile netto: € 137,1 milioni (+8,3%)
  • Eccellente generazione di cassa (free cash flow): € 184,3 milioni
  • Proposta di aumento di capitale gratuito: una nuova azione ogni azione posseduta
  • Dividendo proposto in aumento del 9,1%

Milano, 31 marzo 2010 - Il Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. ha approvato il bilancio consolidato al 31 dicembre 2009.

Campari ha conseguito nel 2009 risultati solidi con tutti gli indicatori di performance in forte crescita. Il consolidamento da giugno 2009 delle vendite e dei profitti relativi all’acquisizione di Wild Turkey, ha avuto un impatto importante sui risultati dell’esercizio, che, anche a parità di perimetro con l’anno precedente, sono molto positivi. In particolare, la leggera contrazione a livello organico delle vendite (-1,0%) può essere considerata positivamente alla luce del difficile contesto economico e, soprattutto, del ritorno alla crescita organica nel secondo semestre (+0,7%). Tutti gli altri indicatori di performance operativa organica sono risultati in forte crescita, grazie al mix positivo delle vendite e all’efficace contenimento dei costi.

Il Gruppo ha inoltre conseguito un’eccellente generazione di cassa (free cash flow) - € 184,3 milioni - anche grazie a un controllo rigoroso del capitale circolante. Questo risultato ha permesso di ottenere una forte riduzione della leva finanziaria, con largo anticipo rispetto agli obiettivi prefissati.

Bob Kunze-Concewitz, Chief Executive Officer: ‘Abbiamo conseguito risultati molto positivi nel 2009 e, nonostante il contesto rimanga ancora relativamente volatile, siamo fiduciosi in relazione al buon andamento del business nel 2010. Nell’anno in corso, peraltro, beneficeremo appieno del consolidamento delle acquisizioni recentemente finalizzate e del rafforzamento del nostro network distributivo. Ci attendiamo uno scenario sostanzialmente bilanciato in termini di rischi e opportunità per quanto concerne le prospettive di sviluppo dei nostri principali prodotti e mercati.’

Risultati consolidati del 2009

Nel 2009 le vendite del Gruppo sono state pari a € 1.008,4 milioni (+7,0%; -1,0% crescita organica, +0,7% effetto cambi e +7,3% effetto perimetro, quest’ultimo dovuto alle acquisizioni di Wild Turkey, Destiladora San Nicolas, Sabia e Odessa, e a due nuovibrand in licenza, Licor 43 in Germania e Cointreau in Brasile).

Il margine lordo è stato € 572,8 milioni, in crescita del 11,4%, principalmente grazie al mix favorevole delle vendite dovuto alla crescita a doppia cifra del segmento spirit.

Il margine di contribuzione, ovvero il margine lordo dopo le spese per pubblicità e promozioni, è stato € 401,2 milioni, in crescita del 17,6% (+7,6% crescita organica) e pari al 39,8% delle vendite.

L’EBITDA prima di proventi e oneri non ricorrenti è stato € 265,1 milioni, in crescita del 21,4% (+9,2% crescita organica) e pari al 26,3% delle vendite.

L’EBIT prima di oneri e proventi non ricorrenti è stato € 239,7 milioni, in crescita del 20,4% (+8,6% crescita organica) e pari al 23,8% delle vendite.

L’EBITDA è stato € 261,0 milioni, in crescita del 21,6%.

L’EBIT è stato € 235,6 milioni, in crescita del 20,6%.

L’utile prima delle imposte e degli interessi di minoranza è stato € 198,3 milioni (+15,0%; +13,0% a cambi costanti).

L’utile netto del Gruppo è stato € 137,1 milioniin crescita del +8,3% (+6,6% a cambi costanti).

Al 31 dicembre 2009, grazie alla forte generazione di cassa (pari a € 271,4 milioni a livello di flusso di cassa generato dalle attività operative e € 184,3 milioni a livello di free cash flow), l’indebitamento finanziario netto è pari a € 630,8 milioni (€ 326,2 milioni al 31 dicembre 2008) dopo il pagamento delle acquisizioni di Wild Turkey per € 418,4 milioni e di Odessa per € 14,8 milioni.

Vendite consolidate del 2009

Gli spirit, che rappresentano il 73,3% del business, hanno registrato una variazione delle vendite del +11,4%, determinata da unacrescita organica del 0,9%, da un impatto positivo dei cambi del 1,0% e da un effetto perimetro positivo del 9,5%.

Il brand Campari ha registrato una contrazione del 7,3% a cambi costanti, dovuta a una riduzione delle scorte attuata dai distributori in Brasile e nell’Europa dell’est. Le vendite di SKYY sono cresciute del +1,3% a cambi costanti (+6,1% a cambi effettivi), anche grazie a una crescita sostenuta nei mercati internazionali. Aperol ha confermato il proprio trend di eccellenza (+40,3% a cambi costanti) in Italia e all’estero, con particolare riferimento al mercato tedesco. Campari Soda ha chiuso il 2009 in crescita del 2,2%. Le vendite dei brand brasiliani hanno segnato una contrazione del 14,9% a cambi costanti (-17,8% a cambi correnti), a causa dell’aumento delle accise e della riduzione delle scorte attuata dai distributori. Il 2009 è stato positivo per Ouzo 12 (+7,0% a cambi costanti) e Cynar, (+17,1% a cambi costanti). GlenGrant ha segnato una contrazione del 3,8% a cambi costanti, imputabile principalmente al mercato italiano, dove in ogni caso il brand mantiene la posizione di leader e guadagna quote di mercato in un mercato in contrazione.

Gli wine, che rappresentano il 15,4% del fatturato, hanno registrato una contrazione del 1,7%, determinata da una variazione negativa del business organico del 5,6% e da una variazione positiva di perimetro del 3,9%. L’andamento non positivo del segmento è da attribuirsi principalmente ai vermouth Cinzano (-15,5% a cambi costanti) a causa della forte riduzione delle scorte in Russia. Glispumanti Cinzano hanno evidenziato al contrario una crescita (+2,5% a cambi costanti) grazie al buon andamento del mercato tedesco. Riccadonna ha segnato una crescita del 3,2% a cambi costanti, grazie a una performance positiva sul mercato australiano, chiave per il brandSella & Mosca ha risentito, in particolare, della contrazione dei consumi nel canale ristorazione in Italia (-4,4% a cambi costanti).

soft drink, che rappresentano il 9,9% del fatturato, hanno registrato una variazione negativa del 2,6%, determinata principalmente dalla contrazione di bibite analcoliche e acque minerali. Crodino è risultato sostanzialmente stabile (-0,1%).

Relativamente alla ripartizione geografica, le vendite del 2009 sul mercato italiano, pari al 38,5% delle vendite, hanno registrato una crescita del 0,2%, determinata dal positivo contributo della crescita organica (+0,8%), in parte compensata da un effetto perimetro negativo del 0,6%. Le vendite in Europa (esclusa l’Italia), pari al 23,0% delle vendite consolidate, hanno segnato unacrescita del 8,8%, determinata da una crescita del business organico del 4,5%, grazie a una buona performance dei mercati dell’Europa occidentale, in particolare Germania e Austria, che ha compensato la forte contrazione nell’est Europa, e da una variazione di perimetro positiva del 4,3%. Le vendite nell’area Americhe, pari al 32,3% del totale, hanno registrato una variazione negativa organica del 7,2%, compensata da un effetto cambi positivo del 2,0% e da un effetto perimetro positivo del 14,9%, quest’ultimo dovuto alle acquisizioni di Wild Turkey, Destiladora San Nicolas e Sabia. Nell’area Americhe, il business organico delmercato USA ha registrato una contrazione del 9,6%, a causa del fenomeno di riduzione delle scorte, controbilanciato da un effetto cambi positivo del 4,9% e da un effetto perimetro positivo del 16,8%. In Brasile, le vendite hanno registrato a livello organico una variazione negativa del 13,6%, un effetto perimetro positivo del 1,8% e un effetto cambi negativo del 2,9%. L’arearesto del mondo (che include anche le vendite duty free), pari al 6,3% del fatturato totale, è cresciuta complessivamente del39,3%, trainata da una crescita di perimetro del 38,9%, da un effetto cambi del 1,9% e da una variazione negativa organica del 1,5%.

Conclusioni e outlook 2010

Nel 2009 il Gruppo ha conseguito risultati solidi e soddisfacenti. Il buon andamento dei consumi in alcuni importanti mercati sviluppati ha aiutato ad alleviare l’impatto negativo determinato dal fenomeno di riduzione delle scorte da parte dei distributori (cosiddetto destocking) in altri mercati. Sono stati effettuati importanti miglioramenti a livello commerciale, in termini sia di sviluppo del business sia di espansione delle strutture commerciali. E’ stato ottenuto un significativo aumento della generazione di cassa che ha permesso al Gruppo di finanziare importanti acquisizioni e sostenere investimenti in nuovi progetti. Questi risultati hanno portato la società a deliberare proposte di aumento di capitale gratuito (che, a parità di condizioni, comporterà il dimezzamento del valore corrente del prezzo del titolo) e di aumento del dividendo per azione.

In relazione all’andamento nel 2010, il Gruppo è fiducioso sul buon andamento del business, pur in un contesto ancora relativamente volatile. Questo permetterà un ritorno a un andamento normalizzato degli investimenti pubblicitari per effetto del previsto aumento della pressione competitiva nei mercati di riferimento rispetto all’anno scorso. Nell’anno in corso, peraltro, si beneficerà del pieno consolidamento delle acquisizioni nel nostro network distributivo. Per quanto riguarda le principali combinazioni di prodotti e mercati, il Gruppo si attende uno scenario sostanzialmente bilanciato in termini di rischi e opportunità.

Altre delibere

Proposta di aumento di capitale gratuito. Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di proporre all’Assemblea, convocata in sessione straordinaria e ordinaria per il 30 aprile 2010, un aumento di capitale gratuito da effettuarsi mediante emissione di 290.400.000 nuove azioni del valore nominale di € 0,10 da riconoscere gratuitamente ai soci in ragione di una nuova azione per ciascuna azione posseduta, mediante utilizzo di riserve.

Si segnala che l’operazione di assegnazione delle nuove azioni verrà eseguita alla prima data utile, individuata nel 10 maggio prossimo, compatibilmente con i tempi tecnici, ovvero, in alternativa, il 17 maggio. Le nuove azioni avranno godimento 1 gennaio 2009 e il capitale sociale versato risultante dall’aumento di capitale gratuito sarà pari a € 58.080.000, suddiviso in 580.800.000 azioni.

Si segnala inoltre che l’esecuzione dell’aumento di capitale gratuito comporterà, a parità di condizioni, il dimezzamento del valore corrente del prezzo del titolo.

Dividendo. Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di proporre all’Assemblea, convocata per il prossimo 30 aprile 2010, ladistribuzione di un dividendo di € 0,06 per ciascuna delle azioni in circolazione risultanti dall’aumento di capitale gratuito proposto (in aumento del 9,1% rispetto al dividendo distribuito per l’esercizio 2008, pari a € 0,055 su base rettificata). In ipotesi di assenza di aumento di capitale gratuito, il dividendo proposto corrisponderebbe a € 0,12 per azione (+9,1% sul dividendo distribuito per l’esercizio 2008, pari a € 0,11). Il pagamento del dividendo, che sarà eseguito pertanto successivamente all’assegnazione delle azioni gratuite, avverrà (con esclusione delle azioni proprie in portafoglio) a partire dal 27 maggio 2010, previo stacco cedola numero 7 il 24 maggio 2010.

Società di Revisione. Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato, su proposta del Collegio Sindacale, di sottoporre all’Assemblea ordinaria degli azionisti l’attribuzione del mandato di revisione per il novennio 2010-2018 a PricewaterhouseCoopers S.p.A., essendo l’incarico attualmente conferito a Reconta Ernst & Young S.p.A. giunto a scadenza e non rinnovabile ai sensi di legge.

Azioni proprie. Il Consiglio di Amministrazione ha approvato la relazione all’Assemblea relativamente alla delibera di autorizzazione all’acquisto e/o all’alienazione di azioni proprie finalizzate principalmente a servire i piani di stock option. L’autorizzazione viene richiesta per l’acquisto e/o l’alienazione di azioni che, tenuto conto delle azioni proprie in portafoglio, non superino il 10% del capitale sociale. L’autorizzazione viene richiesta sino al 30 giugno 2011. Il corrispettivo unitario per l’acquisito e/o l’alienazione non sarà inferiore del 25% nel minimo e superiore del 25% nel massimo al prezzo medio di riferimento registrato dal titolo nelle tre sedute di borsa precedenti ogni singola operazione di acquisto.

Stock option. Il Consiglio di Amministrazione propone all’Assemblea di approvare un piano di stock option ai sensi dell’articolo 114-bis TUF, predisposto in conformità al Regolamento per l’attribuzione di stock option approvato dal Consiglio di Amministrazione del 18 marzo 2009 e dall’Assemblea del 30 aprile 2009. Nei termini di legge si provvederà alla pubblicazione del relativo Documento informativo ai sensi dell'articolo 84-bis Regolamento Emittenti.

Modifiche statutarie. Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di sottoporre all’Assemblea straordinaria degli azionisti la proposta di modifica di alcune clausole dello statuto sociale al fine di rendere lo stesso conforme ad alcune prescrizioni normative introdotte dal recente D.Lgs. n. 27/2010 recante recepimento della direttiva 2007/36/CE. Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre deliberato di proporre la modifica dello statuto sociale al fine di rinnovare la delega attribuita agli Amministratori per procedere ad aumenti del capitale sociale, nonché emissione di obbligazioni convertibili e altri strumenti finanziari.

Il Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari di Davide Campari-Milano S.p.A., Paolo Marchesini, attesta - ai sensi dell’articolo 154 bis, 2 comma, D. Lgs. 58/1998 (TUF) - che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

Conference call

Si informa che alle ore 12.00 (CET) di oggi, mercoledì 31 marzo 2010, si terrà una conference call durante la quale il managementdi Campari presenterà ad analisti, investitori e giornalisti i risultati del 2009. Per partecipare alla conference call sarà sufficiente comporre uno dei seguenti numeri:

  • dall’Italia  02 8058 811
  • dall’estero  +44 203 147 47 96

Le slide della presentazione potranno essere scaricate prima dell’inizio della conference call dalla Investor Relations homepage del sito Campari all’indirizzo http://investors.camparigroup.com.

Una registrazione della conference call sarà disponibile a partire da giovedì 1 aprile 2010 a mercoledì 7 aprile 2010 chiamando i seguenti numeri:

  • dall’Italia 02 74951
  • dall’estero  +44 207 0980 726

             Codice di accesso: 740#

Data di pubblicazione: 
30 mar 2010
Share/Save
Ultima modifica 27 mag 2013